In questi giorni il Ministro dell’Interno ha annunciato che in giugno verranno distribuite agli operatori delle forze dell’ordine le pistole Taser, a seguito di una positiva sperimentazione.

Una buona notizia questa!

Una battaglia che il SAP, anche qui a Trieste, porta avanti da anni non solo per il Taser, ma anche per dotazioni idonee e al passo con i tempi.

Un inizio questo che è un incentivo per continuare le nostre battaglie per arrivare ad aggiornare tutti le dotazioni operative e dotare al più presto gli agenti anche di strumenti “verità” come le telecamere sulle divise, sulle autovetture e nei locali di polizia utilizzati per i fermati.

Il Taser, strumento non letale, si è rivelato durante la sperimentazione molto utile ed efficace con soggetti esagitati o violenti; interventi risolti il più delle volte solo con l’esibizione della pistola elettrica che ha sortito come deterrente e che ha indotto i soggetti a desistere nel commettere reati di violenza o resistenza.

Auspichiamo che la distribuzione avvenga al più presto anche a Trieste, perché riteniamo che anche qui possa agevolare non di poco il lavoro dei poliziotti e si possa evitare possibili drammi, da una parte e dall’altra, come è accaduto in passato proprio anche nella nostra città.

Questa decisione è la dimostrazione che qualcosa sta cambiando e che la sicurezza è inserita nell’agenda di Governo dopo tanti anni di completo abbandono.

TriesteCafe

TriestePrimaNuovo

TriesteAllNews

Il Piccolo Giornale

0
0
0
s2sdefault